courtesy of Slow+Fashion+Design.Community

È già tutto nel nome: Slow+Fashion+Design Community, tanto per dare un’idea degli obiettivi di questa associazione di promozione sociale diventata da poco operativa e che ha come filosofia gli stili di vita slow da sostenere e divulgare, promuovendo artigiani e realtà territoriali in svariati settori, dalla moda al design, dal cibo ai viaggi all’architettura. Fondata da Alessandro Crosato, in passato designer per il Gruppo Benetton e per MCS, a Ponzano Veneto, in provincia di Treviso, la piattaforma si pone come polo etico sostenibile che, per ora, serve e si rapporta soprattutto con le produzioni locali ma che mira ad estendersi a livello nazionale.

Circa un anno e mezzo fa – spiega Alessandro Crosato – mi sono reso conto di come le cose nel settore moda stessero cambiando: se le aziende continuavano a procedere come sempre, si iniziavano però a intravedere cambiamenti da parte del mercato e delle coscienze. Ho deciso quindi di fare qualcosa di concreto, creando insieme ad altri 6 soci, tutti provenienti da settori diversi, un’associazione di promozione sociale ispirata ai valori della filosofia slow, che si basa sul concetto di prendersi il giusto tempo per fare prodotti di qualità e nel rispetto dell’ambiente e delle persone”.

Ma in cosa consiste concretamente l’attività di Slow+Fashion+Design Community? Per esempio nell’organizzare eventi e presentazioni per divulgare la filosofia slow, raccontando le storie di artigiani e/o di aziende che operano già con un approccio etico e sostenibile sia nella progettazione che nella vendita. Oppure nel partecipare o promuovere conferenze in cui vengono affrontati diversi temi legati alla filosofia slow e a tutti i suoi vantaggi. Non mancano poi le collaborazioni con periodici editoriali digitali e cartacei e con scuole, università e altre associazioni.

Il primo progetto realizzato da Slow+Fashion+Design Community, presentato lo scorso aprile durante il Salone del Mobile, è EticaLiving, una linea di arredi di lusso in edizione limitata nata dalla collaborazione tra VGnewtrend, azienda veneta attiva nella produzione di arredamento di design e Flavio Ongaro, artigiano specializzato nella lavorazione di tessuti in denim. L’associazione ama definire la collezione ‘una filosofia che diventa materia’ e certo qui i materiali sono d’eccellenza, oltre che sostenibili e lavorati artigianalmente: i tessuti ad esempio sono decorati in modo unico, così che ogni pezzo e ogni decorazione non saranno mai uno uguale all’altro.

Slow+Fashion+Design Community ha un suo sito e tanti progetti da portare avanti, tra cui  anche il rilancio sostenibile dei marchi Henry Cotton’s, Marina Yachting e MCS, gestiti attualmente dal Tribunale di Venezia. La convinzione dei suoi fondatori è che la rivoluzione slow debba partire proprio dai designer, anche per questo l’associazione ha stretto un accordo con Slow Fashion World, piattaforma internazionale con sede in Svezia, per creare a livello mondiale un pool di designer con questo tipo di sensibilità.

 

 

 

Previous article‘Love Collection’ by Be Quality, l’amore che si indossa
Next articleAll’ultima edizione del Copenhagen Fashion Summit, meno parole, più fatti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here