Chi segue il blog avrà di certo già sentito parlare di Matteo Ward e del suo WRÅD, che nel tempo è diventato, oltre che marchio di abbigliamento sostenibile, anche servizio di consulenza per i brand che hanno il desiderio di approcciarsi al mondo della responsabilità sociale e ambientale e format educativo per studenti sui costi reali, ambientali e sociali, dell’industria della moda.

Ora Matteo lancia un nuovo progetto, Sow – School of WRÅD, la prima piattaforma indipendente e digitale dedicata interamente alla cultura della sostenibilità, con l’obiettivo urgente e ambizioso di far nascere nelle nuove generazioni una nuova forma di attivismo attraverso la diffusione delle verità intorno al tema della moda e della sostenibilità.

Lo scopo è quello di ispirare e mobilitare un numero sempre più vasto di persone fornendo loro gli strumenti per contrastare lo status quo del fashion system. “Oggi più che mai, dice Matteo, la verità attorno al tema ‘moda e sostenibilità’ è artificiosamente controllata da realtà il cui unico interesse continua a essere il profitto, ai danni di milioni di persone e ambiente, c’è bisogno di chiarezza! Ma anche l’educazione attorno a un tema così importante per la vita sul Pianeta è diventata puramente un business invece che un servizio inclusivo e accessibile per tutti, direzione pericolosa.”

School of WRÅD sarà strutturata con video e testi nei tre moduli ‘Better Design’, ‘Better Communication’ e ‘Better Management’, basandosi su tre pilastri ovvero indipendenza, accessibilità e inclusione, che costituiscono la risposta naturale alla necessità di garantire integrità ai contenuti dei corsi e accessibilità a livello globale in termini di costi, lingua e business model: ogni corso venduto offrirà ai partecipanti di School of WRÅD la possibilità di sponsorizzare la distribuzione gratuita di pacchetti educativi e strutture ai ragazzi cui l’educazione riguardo al tema è oggi negata, come in Vietnam, Bangladesh, India e anche Iran grazie alla collaborazione con Fashion Revolution Iran.

Sempre in collaborazione con Fashion Revolution, WRÅD è riuscito a diffondere gratuitamente i propri progetti educativi a più di 11.000 studenti italiani di scuole superiori secondarie e università nel 2018 e 2019, a stipulare partnership con 16 università e a distribuire un suo workshop in 102 paesi nel mondo.

School of WRÅD sarà successivamente aperta anche a terzi, dando la possibilità a professionisti, innovatori e creativi di presentare e promuovere i propri corsi purché in linea con lo scopo della scuola e con i suoi tre macro-temi: design sostenibile, comunicazione responsabile e management per lo sviluppo sostenibile.

Per il lancio del progetto SOW – School of WRÅD, il 24 novembre scorso è stata lanciata una crowdfunding campaign nella piattaforma Indiegogo, dando la possibilità al pubblico di partecipare alla costruzione del progetto e diventare fondatori della scuola. La campagna di raccolta fondi alla quale tutti sono chiamati a dare il proprio contributo e che scadrà a fine anno è necessaria per supportare WRÅD nella produzione finale della piattaforma digitale e nella traduzione dei contenuti in più lingue locali come Hindi e Farsi, step necessario per rendere ancora più inclusivo il progetto abbattendo barriere linguistiche.

Previous articleStefano Panconesi, una vita tra tinture e certificazioni
Next article‘About Alice collection’

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here