In un momento così cupo e disperato per noi tutti, in cui siamo passati dalla guerra contro il Covid (che comunque non è stato ancora debellato) a una guerra reale, fatta di bombe e carri armati, alle porte di casa, cerchiamo di fare il possibile per continuare a coltivare e diffondere bellezza. Oggi lo facciamo parlando di un marchio artigianale italiano che, lo vedrete, oltre alla sostenibilità a tutto tondo, ha anche la caratteristica più che mai attuale della resilienza, come ci insegna il nostro PNRR.

Giusy Leo Imperiale al lavoro con Piñatex

Si tratta di Ziza Style Habits, conosciuto e apprezzato grazie al tramite diretto con la sua fondatrice, Giusy Leo Imperiale, ex promotrice finanziaria pugliese che, dopo la nascita della seconda figlia, ha deciso di lasciare il lavoro per dedicarsi a un’attività in proprio incentrata sulla manualità, cosa da sempre nelle sue corde. Appassionata di vintage, Giusy comincia a lavorare a casa affiancata da una sarta, producendo maglieria stampata e altri articoli fatti a mano e battezza il marchio ‘Ricomincio’, proprio per sancire l’inizio della sua seconda vita professionale.

Tra i prodotti realizzati ci sono anche delle borse d’ispirazione vintage ma al momento di creare il lookbook della collezione, Giusy si rende conto che ‘Ricomincio’ stona e decide di cambiare il nome in ‘Ziza’, che è poi il nomignolo con cui la chiamano i nipoti, essendo la zia più giovane.

Il primo logo/marchio di Ziza, ‘Ricomincio’

Ziza Style Habits nasce così, tutto in famiglia, nel 2015, in un momento in cui fare moda sostenibile e usare materiali alternativi è ancora considerato roba da pionieri, almeno qui in Italia, quindi appare azzardatissima e soprattutto coraggiosa la scelta di Giusy di realizzare le sue borse, su cui la produzione si è concentrata, con Piñatex, la simil-pelle ricavata dalle foglie di ananas, di cui abbiamo parlato per altri brand che ultimamente ne fanno uso.

Allora, utilizzare un materiale del genere, appare una scelta davvero innovativa, considerando oltretutto che Ziza non è un big brand ma una piccola realtà artigianale tutta made in Italy; Giusy però non sbaglia, anzi, la sua lungimirante intraprendenza la premia con una repentina attenzione da parte di Ecocentrica di Tessa Gelisio, Snap Italy, Sportswear International e di punti vendita in corner prestigiosi come Coin Excelsior Roma/Venezia e finisce anche a New York in un temporary store.

Le borse, di ispirazione vintage, hanno un design lineare ma, oltre al valore aggiunto della simil-pelle di ananas, si trasformano grazie ai cordoni in dotazione: si possono portare a mano o a tracolla o, da pochette, diventare uno zainetto, il tutto realizzato da artigiani pugliesi.

Ziza Style Habits, come dicevamo, prende il volo, anche oltreoceano, e si colloca in una fascia medio-alta, ma comunque accessibile; i problemi sorgono quando, per rispondere alle richieste degli store che vendono Ziza, Giusy si trova a dover ‘fare magazzino’ e ad acquistare molta Piñatex, che ha il suo costo. Varie vicissitudini, tra cui un furto nello store newyorchese, spingono Giusy a soprassedere e accantonare a malincuore il proprio brand e questo poco prima dello scoppio della pandemia.

E qui, durante gli ultimi due difficili anni, che comincia la seconda vita di Ziza Style Habits; Giusy si trova con una gran quantità di materiale inutilizzato ma ancora bello e prezioso e decide di rimettersi in gioco senza più delegare la produzione; diventa l’artigiana di se stessa, rallenta i ritmi e cuce con le sue mani i suoi prodotti sempre made in Puglia, realizzando anche splendidi patchwork proprio con le rimanenze, di varie metrature e colori, che ha a disposizione in magazzino e abbinandoli anche ad altri tessuti, sempre di giacenza.

Tra i nuovi modelli di Ziza Style Habits le borse con gli skyline delle città del mondo – courtesy Ziza Style Habits

Oggi Giusy ha ripreso fiducia in se stessa e nel suo marchio, che ha acquistato un ulteriore valore aggiunto: l’utilizzo delle rimanenze per nuove creazioni. Un po’ come l’araba fenice che rinasce dalle proprie ceneri, Ziza Style Habits si ripresenta sul mercato ancora più sostenibile di prima, resiliente e al contempo sofisticata come la clientela cui è rivolta.

Trovate Ziza Style Habits su Instagram @ziza_style_habits e su Etsy www.zizastylehabitsstore.etsy.com

Previous articlePrato sempre più modello per il riciclo tessile
Next articleIl tessile italiano sempre più Detox

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here