La vorreste una rubrica di eco-tessuti per tenervi aggiornati sulle novità in materia? La tengo già sul mensile cartaceo Terra Nuova, potrei proporla anche qui. Ci sto pensando.

Intanto ecco la capsule collection che Marimekko, lo storico marchio finlandese famoso per le sue stampe e i suoi colori vivaci, ha lanciato con Spinnova, l’azienda, anch’essa finlandese, di materiali sostenibili che ha sviluppato una tecnologia in grado di trasformare la fibra cellulosica in fibra per l’industria tessile con un processo meccanico.

Produrre meccanicamente significa non ricorrere alla chimica, quindi no a sostanze nocive ma ricorso alla tecnologia per trasformare un elemento di origine naturale, in questo caso la polpa del legno, in fibra e successivamente in filato.

Di materiali bio-based ne abbiamo parlato recentemente, ce li fornisce direttamente la natura e/o possono derivare da scarti alimentari della lavorazione industriale; a Spinnova, e la faccio semplice perché io non sono né una fisica né una tecnica di laboratorio, hanno sfruttato il principio del ‘flusso’ ovvero dello scorrimento della polpa.

La polpa, dopo essere stata finemente macinata, viene fatta passare attraverso un unico ugello, dove si crea una rete di fibre, dotata di elasticità, che si allinea al flusso della polpa. Segue poi la rimozione dell’acqua tramite centrifuga e, una volta resa filabile, avvengono i trattamenti necessari all’utilizzo in tessitura e maglieria.

È dal 2017 che Spinnova collabora con Marimekko per testare, sviluppare e commercializzare nuovi tessuti in fibra Spinnova; nel febbraio 2020, le aziende hanno presentato due abiti prototipo, con l’aspirazione/promessa di introdurre un prodotto commercialmente valido entro il 2022.

Detto fatto, la capsule collection Marimekko x Spinnova, online dall’agosto scorso, comprende una camicia over in stile utilitarian, un paio di pantaloni e una tote bag, il tutto con l’iconica stampa Unikko (papavero) del 1964 (la vedete in copertina).

Il tessuto dei capi è un simil-denim composto per circa il 20% da fibra Spinnova, il restante 80% da cotone, di cui circa il 70% biologico.

E la sperimentazione continua …

Previous articleCome realizzare un evento sostenibile?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here