In giorni in cui siamo letteralmente sommersi, anzi, direi bombardati, da messaggi e annunci di tutti i tipi che ci spingono al consumismo più sfrenato (vi dice niente il Black Friday?) è confortante e anche stimolante poter parlare di un’iniziativa che si muove sulla sponda opposta ovvero quella del riuso e dei rifiuti come risorsa (e ne abbiamo parlato pochi giorni fa riguardo al documentario ‘Stracci’).

Si tratta di ‘Ri-portalo in circolo’, raccolta straordinaria di indumenti second hand e tessuti di medie/grandi dimensioni, come tende, tovaglie e coperte, organizzata dal Green Office dell’Università di Torino UniToGO, in occasione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti.

Avvenuta il 23 e 24 novembre scorsi presso il Palazzo del Rettorato e il Campus Luigi Einaudi, l’iniziativa ha visto raccogliere oltre 240 kg di materiale tra indumenti (ben il 74%) e tessili; i primi saranno donati attraverso il network della cooperativa Esserci a persone in difficoltà, mentre i secondi ritroveranno nuova vita grazie al progetto Exito, laboratorio di sartoria sociale e produzione di accessori rivolto a donne fragili, che consente il recupero e il riutilizzo di materiali tramite la tecnica dell’upcycling, in un’ottica di sostenibilità ambientale e con una valenza sociale.

Il progetto Exito – courtesy Esserci

Anche il progetto Exito è della cooperativa Esserci.

Contestualmente alla raccolta dei rifiuti tessili, il Green Office UniToGO ha realizzato una campagna informativa on line sul tema degli impatti ambientali del settore tessile e sulle soluzioni per la loro prevenzione e riduzione volta ad accrescere la consapevolezza della comunità sulle proprie scelte e a sensibilizzarla sull’importanza del riuso e del riciclo degli indumenti e dei tessuti.

Tra i molteplici impatti ambientali, la campagna si è concentrata su emissioni di Co2, consumo di acqua, produzione di rifiuti e dispersione di micro-plastiche; a livello europeo, secondo un rapporto dell’European Environment Agency, la produzione e il consumo di abbigliamento, calzature e tessili casalinghi nel 2017 ha generato emissioni pari a 654kg CO2 eq pro capite (come un volo A/R da Roma a Dublino).

Durante l’iniziativa ‘Ri-portalo in circolo’, sono stati forniti anche consigli su comportamenti virtuosi e quotidiani per evitare la logica della fast fashion, preferendo marchi che garantiscono sistemi di produzione e gestione attenti agli impatti ambientali e sociali del prodotto, allungando il ciclo di vita di ciascun capo attraverso la riparazione, lo scambio e il dono.

L’Italia ha anticipato le disposizioni europee sul tema della raccolta differenziata del tessile avviando l’obbligo a partire dal 1° gennaio 2022. L’avvio della raccolta differenziata del tessile consentirà di portare all’attenzione di tutti il tema dell’eco-design dei capi d’abbigliamento, permettendo di facilitare la riciclabilità dei materiali.

Con questa news, eco-à-porter non solo si oppone al Black Friday ma aderisce anche alla Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti, che si conclude domani 28 novembre.

Previous articleLa poetica degli stracci
Next articleFilpucci, la sostenibile leggerezza dei filati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here