Ebbene sì, come altro potrei cominciare questo ultimo post dell’anno, che ci proietta di fatto nel 2022, se non chiedendo pietà ai prossimi 12 mesi che ci aspettano, come da titolo? Prometto che non lo faccio più di augurare che l’anno in arrivo sarà senz’altro migliore, l’avevo dato troppo per scontato e invece anche il 2021 ce l’ha fatta abbastanza pagare e mi riferisco soprattutto a questa pandemia senza fine.

Però i vaccini ci hanno dato senz’altro un’arma in più ed è quella che ancora oggi ci deve dare la speranza di vedere la luce in fondo al tunnel.

Dal punto di vista strettamente legato al blog, invece, la pausa che mi sono presa mi ha fatto tornare la voglia di riprendermene cura, oltre che confermare di aver costruito qualcosa di importante, attorno cui si è creata anche una piccola grande community.

E allora, certo, l’obiettivo è quello di continuare, attraverso le difficoltà, alle stelle.

Ed è la stessa cosa che si e ci augurano i fantastici otto scelti tra i protagonisti dei nostri articoli di quest’anno e che, come ogni fine d’anno, condividono con noi un pensiero positivo sulla sostenibilità.

“Ci auguriamo e lavoriamo attivamente per un mondo della moda senza ‘fashion victim’, un mondo più gentile. Ci auguriamo che nel 2022 si prosegua e si intensifichi il già iniziato cambiamento, eliminando prodotti e materiali realizzati con pratiche ormai fuori tempo e fuori luogo, che comportano lo sfruttamento e l’uccisione assolutamente non necessaria di milioni di essere viventi. E ci auguriamo che sempre più persone possano condividere il sentimento che gli animali sono qui con noi e non per noi e la consapevolezza che solo rispettando ogni essere vivente, possiamo salvare anche noi stessi, perché siamo tutti collegati e possiamo vincere solo insieme”. (il team di Miomojo)

“Ci lasciamo alle spalle un 2021 complesso su vari fronti. La piccola impresa ha subito di più, ma chi ha potuto ha tenuto duro e non si è arreso. Questi periodi tormentati ci permettono di riflettere… Ho comunque la sensazione che ci sia una presa di consapevolezza sempre più viva perfino sulla tematica dell’acquisto. Anche nell’abbigliamento, tante persone cercano di capire cosa ci sia dietro un brand, un capo e con quali materiali venga realizzato. Non si tratta più solo di un acquisto emotivo ma anche consapevole. Auguro a tutti voi un 2022 di cambiamenti positivi, di un ritorno ai veri valori, quelli più semplici, genuini e sostenibili, ma soprattutto di maggiore amorevolezza che manca nella nostra società!” (Valerie Cesaratto fondatrice di Inkanti)

Essere una start-up costituita poco prima del periodo Covid, per di più con i costi aumentati notevolmente negli ultimi 2 anni per cercare di avere visibilità on-line, ci ha sicuramente penalizzato. E c’è ancora molto da correggere sull’uso improprio di vocaboli, come ‘green’, ‘eco-friendly’ e soprattutto ‘sostenibile’, con cui ancora troppo spesso vengono appellati prodotti che tanto sostenibili non sono. Ma siamo fiduciosi! Ci sono sempre più consumatori che si fanno qualche domanda in più prima di acquistare e crediamo che nel tempo, la trasparenza con cui operiamo farà la differenza. E se ci sono consumatori più consapevoli è anche merito di persone come Barbara, che cercano di dare un volto e far emergere piccole e grandi realtà, che concretamente approcciano il mondo della moda con rispetto dell’ambiente e delle persone coinvolte nella filiera. Buon anno! (Michele Stignani, fondatore di Wao – the eco effect shoes)

“Il nostro augurio per l’anno che verrà è che si arrivi a guardare alla natura come modello, misura e mentor per scoprire la vera essenza d’essere umani.” (Sara Di Battista per Vesti la Natura)

“Per il 2022 auguro a tutti di avere un’opportunità che permetta di realizzare qualcosa di buono per le persone più fragili e per il pianeta. 
Abbiamo creato AndCircular con l’obiettivo di offrire un lavoro alle persone vulnerabili e di rendere meno inquinata la terra. Auguro a tutti di cogliere quanto sia necessario mettere le persone al centro e ricominciare a emozionarsi per le piccole cose come riutilizzare un vecchio abito o donare ciò che non ci serve più. Spero che il 2022 sia per tutti un nuovo inizio, più consapevole”. (Francesca Tonelli, fondatrice di AndCircular)

“Spero che nel 2022 ognuno di noi imparerà a prendere in mano un ago per provare a riparare o a rinnovare quello che ha già: è un modo per tornare a toccare i materiali, a capire come sono fatte le cose, ad apprezzare quello che abbiamo e sicuramente a fare scelte più consapevoli e di qualità. Questo ci darà anche l’occasione di valorizzare tanti artigiani straordinari che con la propria creatività e la conoscenza riescono a creare cose uniche, magari dando spazio anche a nuovi creativi che potranno concretizzare la propria idea di moda”.  (Silvia Gambi di SoloModaSostenibile)

“Noi due in quanto Sirenette ci auguriamo più rispetto e cura dei nostri oceani, maggiore consapevolezza nella scelta di ciò che si acquista e una potente virata nella direzione della sostenibilità e del rispetto di animali e persone. Ci auguriamo un’umanità gentile, paziente, consapevole del potere della propria scelta; che decida sempre più spesso di sostenere piccole realtà, che scelga la passione e l’unicità del lavoro artigianale, educando-si alla bellezza.” (Lucia Chiodi e Carlotta Fiorini, fondatrici di Sirene Ethical Beachwear)

“Che il 2022 ci faccia riflettere e fare passi avanti verso un mondo più sostenibile che non può prescindere dal rispetto per la natura e gli animali. Così come Luxalpaca si impegna a fare ogni giorno”. (Donatella Carbone e Roberto Toro fondatori di Luxalpaca)

Rispetto per l’ambiente e gli animali, valorizzazione dell’artigianato e del fatto a mano, umanità, gentilezza, sono questi i termini che ricorrono più spesso negli auguri dei nostri ospiti ma una parola emerge su tutte ed è consapevolezza. Consapevolezza delle nostre scelte di acquisto e consumo, consapevolezza di chi siamo e di cosa vogliamo, consapevolezza del cambiamento che, citando Gandhi, vogliamo vedere nel mondo.

Auguri consapevoli a tutti, quindi, ci si vede nel 2022! ✨✨✨

Previous articleNon è tutto green quello che luccica
Next articleRe-love, l’upcycling in abito da sposa

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here